VERSIONE ACCESSIBILE

Il Coro, di Carlo Bertocci, donato dal collezionista Massimo Caggiano alla Fondazione Banca del Monte di Lucca, al termine della mostra “Figurazioni, Sguardi, Persone e Vicinanze” al Palazzo delle Esposizioni di Lucca

Il Coro, di Carlo Bertocci, donato dal collezionista Massimo Caggiano alla Fondazione Banca del Monte di Lucca, al termine della mostra “Figurazioni, Sguardi, Persone e Vicinanze” al Palazzo delle Esposizioni di Lucca
29-01-2024
“Il Coro” di Carlo Bertocci, acquarello preparatorio. È l’opera che Massimo Caggiano ha donato stamani (lunedì 29 gennaio 2024) durante la breve cerimonia che si è tenuta al Palazzo delle Esposizioni di Lucca, dove dal 15 dicembre 2023 a domenica 28 gennaio 2024 si è tenuta la mostra “Figurazioni, Sguardi, Persone e Vicinanze”.
 
L’opera del 2010, su carta cm 140x104, è l’acquerello preparatorio dell’omonima opera pittorica esposta in mostra, e fa parte della collezione d’arte privata di Massimo Caggiano; è stata consegnata dal collezionista nelle mani di Andrea Palestini, presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca (nelle foto alla firma della donazione), alla presenza del sindaco di Lucca, Mario Pardini, di Mia Pisano, assessore alla cultura del Comune di Lucca, e di Beniamino Placido, capo di Gabinetto del Comune di Lucca.
 
Promossa da Comune di Lucca, in collaborazione con la Fondazione Banca del Monte e la Fondazione Lucca sviluppo, e con il patrocinio della Fondazione Perugia e della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, “Figurazioni, Sguardi, Persone e Vicinanze” ha portato in luce la collezione, ancora poco conosciuta di Massimo Caggiano, che ha svelato al pubblico i propri tesori più preziosi, raccolti in 35 anni di collezionismo. Una selezione di capolavori, a firma di alcuni dei più importanti nomi della pittura e della scultura nella storia dell’arte italiana ed internazionale dagli anni Ottanta del XX secolo.
Carlo Bertocci è nato a Castell’Azzara (Grosseto) nel 1946; vive e lavora a Firenze dove nel 1973 si è laureato in Architettura. Dal 1997 è membro dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze. Agli inizi degli anni ’80 è protagonista tra i più lirici e sensibili della Pittura Colta di Italo Mussa e partecipa alle mostre nazionali e internazionali che riuniscono i pittori di questo gruppo con quelli di Anacronismo e Ipermanierismo. Dal 1991 si dedica anche alla scultura realizzando terrecotte, ceramiche e bronzi. Nel 2006-2007 realizza un bronzo per la piazza di Castell’Azzara (GR). Nel 2004 il Senato della Repubblica Italiana acquisisce un suo dipinto per la collezione permanente di Palazzo Madama, nello stesso anno ha realizzato il ritratto di Giovanni Spadolini per la galleria dei presidenti del Senato di Palazzo Madama. Per la stessa galleria nel 2008 ha realizzato il ritratto del Presidente del Senato Franco Marini. È segnalato alla voce “Anacronismo” in vari dizionari enciclopedici con particolare rilievo nell’ enciclopedia Electa “La Pittura in Italia: Il Novecento/2”. Si ricordano due monografie importanti: Italo Mussa: Carlo Bertocci. Ed de Luca, Roma. 1986. Edward Lucie-Smith: Carlo Bertocci. Ed. Il Polittico, Roma. 2002.
Massimo Caggiano, all’inizio degli anni 2000 oltre a proseguire la sua attività di collezionista ha anche iniziato a donare parti consistenti della collezione alla Fondazione Perugia, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno e, in ultimo, al Complesso Monumentale di Santa Chiara a Napoli.  Scopo di queste importanti donazioni risiede nel desiderio e nella volontà indefessa del collezionista di diffondere la conoscenza della bellezza dell’arte.


Le ultime news

“Incontri con gli attori”: sabato 24 febbraio alle ore 18,30 protagonista Paolo Genovese con gli attori impegnati in "Perfetti sconosciuti" - ingresso libero
continua
“Mattinata Intelligente” con oltre 100 studenti delle superiori. Lunedì 26 febbraio 2024 alle 10,30 un evento aperto anche al pubblico con ingresso libero fino ad esaurimento posti
continua
All’auditorium del Palazzo delle Esposizioni di Lucca si presenta il libro di Pasquale Sgrò “Cose nostre – il ritorno” Appuntamento sabato 17 febbraio 2024 alle 16,30
continua
Preferenze cookie
0